Mentalità vincente e cultura degli alibi

A cura della dott.ssa Elena Giulia Montorsi – Psicologa - Esperta in Psicologia dello Sport ed in Psicologia dell’adolescenza e della famiglia.

Studio: Milano e Roma

Studio virtuale su Skype: ElenaGiulia Montorsi

Mobile +39 339 7415928

E-mail: egmontorsi@gmail.com

Sito web: www.elenagiuliamontorsi.it

 

Chi sono i vincenti? Per rispondere mi sono venute in mente le parole di uno dei capostipiti della storia dello sport moderno Pierre de Coubertin, il quale disse “l’importante non è vincere, ma partecipare con spirito vincente”.

E “cosa impedisce alla mente degli atleti di essere vincenti?” e la risposta è: il 99% delle persone non affronta i suoi difetti e accampa scuse di fronte agli errori.

Il mio allenatore aveva l’abitudine di chiamare questo modo di fare “la politica delle scuse”.

Viviamo nella cultura degli alibi?

La politica delle scuse, o cultura degli alibi, è il tentativo di attribuire il motivo di una sconfitta a qualcosa che non dipende da noi.

Quante volte all’uscita del campo gara abbiamo sentito frasi come: “Eh oggi è andata male, ma è colpa del terreno”.

Troppo spesso però siamo portati a dare la colpa ad altro, piuttosto che a noi stessi.

C’è anche chi trova alibi più banali ed arriva ad accusare l’arbitro, gli stewart, il pubblico, l’aria, il tempo, l’umidità. Tutti elementi giusti, ma solo in rarissime occasioni.

 

Esiste la “Mentalità vincente”?

Possiamo intraprendere la strada per diventare atleti con mentalità vincente:

  •  il primo passo è imparare a vincere contro noi stessi ovvero imparare a vincere i nostri difetti.
  •  Il secondo passo è quello di imparare ad affrontare le difficoltà esterne con uno spirito “guerriero”. Lamentarsi non ha mai fatto vincere nessuna battaglia ed attaccarsi alle scuse come se fossero dei salvagenti non ha mai salvato nessuno, perché in verità quegli aiuti erano solamente fittizi.

La chiave di volta!

Affrontate i vostri difetti, non vergognatevi nell’ammettere un errore, imparate a studiare voi stessi, riguardate le vostre gare ed impegnatevi nel cercare di perseguire il miglioramento.

 

Un consiglio: non cercate la perfezione… non esiste!…

ma soprattutto con voi stessi e vedrete che non solo otterrete dei risultati, ma inizierete a divertirvi davvero ed essere realmente soddisfatti delle vostre conquiste.

 

E. G. Montorsi, “Mentalità Vincente e Cultura degli alibi”, Cavallo Magazine, settembre 2011, pg 33

 

Credit internet:

http://www.elenagiuliamontorsi.it/pdf/sport/2011-09-01_CavalloMagazine.pdf


Testo a cura della Dott.ssa Elena Giulia Montorsi

vuoi contattarla? >