DANZARE PER LA MENTE

A cura della Dott.ssa Monica Monaco – Psicologa dello Sport e dello Spettacolo

Cell: +39 3384571702

Email: fitnessformind@gmail.com

 

 

La danza è un importante strumento di espressione globale della persona, per la sua capacità di sostenere il benessere attraverso la manifestazione delle emozioni L’uso delle potenzialità terapeutiche della danza in una forma più sistematica viene ormai chiamata “danzaterapia”,  che unisce mente e corpo e che si pone l’obiettivo di favorire e sostenere il benessere, la salute mentale e lo sviluppo psicologico.

 

Attraverso gli interventi di danzaterapia è infatti possibile lavorare stabilendo obiettivi generici, volti al miglioramento del benessere psicologico o delle abilità mentali o seguendo programmi specifici. 

Le aree psicologiche su cui è possibile intervenire sono:

  • l’area cognitiva, in cui è possibile migliorare alcune competenze, come lo schema corporeo, l’apprendimento di concetti o l’uso di simboli;
  • l’area emotiva, in cui è possibile incrementare la capacità di manifestare positivamente dei vissuti emotivi, sostenendo il superamento di paure e fobie e migliorando la stima di sé;
  • l’area relazionale, in cui spesso si lavora per migliorare le relazioni personali, i rapporti di coppia o per diminuire forme comportamentali disadattive;
  • l’area psicomotoria, in cui è possibile migliorare l’orientamento spaziale e la coordinazione motoria in relazione a prassi specifiche oppure generalizzate.

Spesso la danzaterapia viene adottata a supporto di altri metodi oppure come forma esclusiva di cura.

Gli incontri di danzaterapia non hanno mai controindicazioni e possono essere rivolti a singoli individui, a coppie oppure a gruppi: la scelta del contesto in genere viene effettuata in relazione ai metodi e alle necessità relativi alla problematica specifica che si sta trattando.

 

Anche per questo, dovrai rivolgerti ad uno Psicologo dello Sport che abbia una specifica preparazione in merito. Vuoi contattarne uno?

 

 

BIBLIOGRAFIA - DANZARE PER LA MENTE

 

Benezon R., 1984, Manuale di musicoterapia, Borla, Milano.

Chodorow J., 1998, Danzaterapia e psicologia del profondo.L’uso psicoterapeutico del movimento espressivo profondo e rituale, Edizioni Red.

Delle Chiaie R. Brunetti G., Marconi P.L., 1991, Aspetti psicologici della danza: uno studio psicometrico. In Perugia L., Leoni P., Manganaro M., Dottore...io danzo. Problemi di medicina per la danza, Editrice Sigma-tau, Roma.

Garcia M.E., 1987, Educazione al movimento e alla danza nella scuola elementare. In Quaderni di musica applicata, 9, 205-212.

Lestè A., Rust J., 1984, Effects of dance on anxiety. In Perceptual and Motor Skills, 58, 767-772.

Matto S., 2005, Dispense master biennale in psicodanzaterapia, manoscritto cartaceo, Palermo.

Payne H., 1992, Dance movement therapy: theory and practice, Tavistock/Routledge, London.

Vera D’Aragona P., 1986, Curarsi danzando. Il movimento come psicoterapia. In Riza Scienze, 13, 1-96.

Vignoli S., 1973, La danza come educazione, Savelli, Roma.

Zocca D., 2004, Laboratorio danza. Attività di movimento creativo con i bambini, Erickson,Trento.

 

Fonte: www.benessere.com

 


Testo a cura della Dott.ssa Monica Monaco

vuoi contattarla? >