PSICOLOGIA DELLO SPORT

DOMANDE FREQUENTI - PDS RISPONDE

Tennis: non riesco a mantenere l'attenzione/concentrazione più di un set, perdendo purtroppo molte partite che "potrei portare a casa"...è come se a un certo punto si "spegnesse l' interruttore..."

cosa posso fare? 

 

L' attenzione - Concentrazione è spesso collegata alla parte emotiva .

E’ necessario lavorare sulla gestione delle emozioni attraverso un percorso specifico che permetta nel tempo di  migliorare la tenuta del focus attentivo.

 

Ha risposto la Dott.ssa Tamara Mesemi

vuoi contattarla? >


Mi tremano le gambe ogni volta che tiro un calcio di rigore, ma è normale ?

 

ASSOLUTAMENTE NO.

Sei in tensione mentale e fisica e hai un focus attentivo troppo ampio, rivolto verso l’esterno, (il tuo ambiente, gli altri, i compagni, le aspettative) o il tuo mondo interno (pensieri, preoccupazioni sul risultato, strategie).

La tua attenzione per essere ottimale dovrebbe avere un focus attentivo più specifico.

L’attenzione si allena con programmi definiti che portano a ottimizzare la concentrazione al gesto specifica.

 

Ha risposto la Dott.ssa Miriam Jahier

vuoi contattarla? >


Non riesco a restare concentrato per tutto il match. Come posso fare?

 

La concentrazione non può essere sempre alta, quindi è normale che tu non riesca a mantenerti sempre concentrato.

Potresti però imparare ad attivare la concentrazione soprattutto nei momenti più importanti e ad abbassarla quando non serve.

 

Ha risposto la Dott.ssa Margherita Iannucci

vuoi contattarla? >


L'altro giorno ero così preso dal gioco che ad un certo punto mi è sembrato quasi di vedermi al rallentatore, sto male?

 

Non stai male, anzi! Stai benissimo! Quello che è accaduto si chiama "flow" o "flusso" ed è lo stato mentale/emotivo/fisico in cui si dà il meglio di sè, lontano dal mondo esterno e dai pensieri interni, totalmente preso e concentrato  sul compito. 

 

Ha risposto la Dott.ssa Margherita Iannucci

vuoi contattarla? >


Pratico Canoa, in gara parto bene, ma più o meno a metà è come se tiro il freno, le braccia diventano pesanti e vorrei solo fermarmi. Posso cambiare?

 

Il primo passo è ricostruire anche da un punto di vista mentale, i vari passaggi della gara. Probabilmente si accorgerà, insieme ad uno psicologo dello sport, che nel punto in cui "tira il freno" succede qualcosa nella sua mente: cosa si dice? come valuta la sensazione di fatica? pensieri interni, legati a percezioni interne o esterne, possono essere importanti fattori di distrazioni che influenzano la sua prestazione. Con un percorso di mental training riuscirà ad esserne consapevole ed imparerà a gestirli senza diventarne vittima.

 

Ha risposto la Dott.ssa Monica Palla

vuoi contattarla? >


Domanda da parte di un tennista molto promettente : le aspettative degli altri mi turbano e negli ultimi tempi non riesco a progredire nella mia attività.

 

Probabilmente, abbiamo a che fare con una tua attenzione troppo fluttuante  e rivolta all’esterno . Bisogna lavorare sulle tue convinzioni di atleta e sulla tua autoefficacia per ridurre le aspettative esterne degli altri oltre ad avere una formulazione di obiettivi chiari, realistici e soprattutto tuoi!

 

Ha risposto la Dott.ssa Tamara Mesemi

vuoi contattarla? >


Quando gareggio mi trovo spesso a pensare ad altro o non riesco a mantenere la concentrazione su quello che sto facendo, cosa posso fare?

 

Proporrei un intervento a tutto tondo, andando a lavorare sia sulla motivazione che sull’attenzione. 

 

Ha risposto la Dott.ssa Tania Orgiana

vuoi contattarla? >


A volte, quando gareggio in apnea statica, non riesco a staccare la spina e sott'acqua sento riverberare i miei pensieri, compromettendo i miei tempi. Come posso gestire questa situazione, al di là delle classiche tecniche preparatorie di respirazione?

 

Si può lavorare su questo tema con un adeguato training mentale che si concentri sulla natura dei pensieri, sul dialogo interiore, ma anche sulla capacità di distaccarsi funzionalmente da essi, con adeguate strategie di rilassamento e focus  mentale.

 

Ha risposto il Dott. Alessandro Ledda

vuoi contattarlo? >


Non riesco a concentrarmi prima della competizione, ho pensieri estranei al gioco, dopo i primi 20 minuti di competizione, perdo la testa e mi viene voglia di scappare, il mio allenatore mi sostituisce sempre. Cosa posso fare?

 

E’ necessario capire  livello emotivo come si sta evolvendo il tuo ciclo di vita, le relazioni e  il vissuto relazionale esterno sono molto importanti e possono riflettere la preoccupazione mentale. i pensieri estranei intrusivi sono molto pericolosi e distraggono l’atleta nell’esecuzione del compito.

E’ necessario un lavoro di mental training, che aumenti le capacità di lavorare nel qui ed ora, completamente concentrato sul compito, e focalizzato sul se’ e sugli obiettivi da perseguire.

 

Ha risposto il Dott. Massimo Masserini

 vuoi contattarlo? >


Vedo spesso gli sciatori prima delle gare di sci fare strani movimenti ad occhi chiusi, cosa stanno facendo?

 

Stanno visualizzando il percorso di gara, si tratta di una tecnica fondamentale e molto importante in psicologia dello sport.

Lo psicologo dello sport insegna all’atleta come eseguirla nel modo corretto.

 

Ha risposto la Dott.ssa Roberta Lubrano

 vuoi contattarla? >