PSICOLOGIA DELLO SPORT

DOMANDE FREQUENTI - PDS RISPONDE

Lo Psicologo dello Sport propone all’atleta delle strategie per percepire, riconoscere ed interpretare le sensazioni corporee esperite prima, durante e dopo la sua prestazione.

Solo in tal modo, l’atleta potrà infatti arrivare allo stato di “flow”, cioè quello stato mentale e psicofisico in cui l’atleta performa in maniera eccellente.


Quando gioco una partita apparentemente facilissima rischio sempre di perdere e finisce che magari vinco ma con una fatica inaudita, come mai nelle gare importanti non mi succede?

 

E’ probabile che tu ti annoi nelle competizioni facili e che ti manchi la sfida.

Può succedere che il risultato sia talmente scontato da farci perdere di vista l'obiettivo. 

Nelle gare importanti, con un livello di sfida maggiore e  dove l'attenzione e la concentrazione sono al massimo è molto difficile che accada.  

 

Ha risposto la Dott.ssa Tania Orgiana

vuoi contattarla? >


Dopo la vittoria in campionato non sono riuscito più a ripetere quei risultati e quelle belle prestazioni, come posso ritornare in quello stato di forma mentale?

 

Dopo una grande vittoria si perdono di vista gli obiettivi, per cui io lavorerei su nuovi, stimolanti obiettivi in vista della prossima stagione.

 

Ha risposto la Dott.ssa Marina Gerin Birsa

vuoi contattarla? >


Ma se ho rapporti prima della gara questo compromette il mio risultato di prestazione sportiva ?

 

Dipende se parliamo di prestazione o di relazione.

La prestazione determina un’aspettativa di risultato e quindi ansia, ovvero tensione.

La relazione invece è per sua natura stabile, in grado di fornire supporto affettivo e appagamento fisico, rigenera e da benessere oltre a calmare le tensioni. Quindi si a relazioni, prestazioni no!

 

Ha risposto la Dott.ssa Miriam Jahier

vuoi contattarla? >


Cosa posso fare per evitare che i ragazzi si demoralizzino davanti ad un risultato negativo?

 

Cerca di aiutarli a vedere gli errori come occasioni di miglioramento.

Aiutali a commentare ed analizzare anche le prestazioni meno buone, anche se è più difficile.

 

Ha risposto la Dott.ssa Lorenza Bicchieri

vuoi contattarla? >


Prima della gara ho sempre sonno, e va a finire che non riesco mai a dare il massimo in gara, perché?

 

Generalmente "avere sonno" prima di una gara indica che non hai una adeguata attivazione e che il tuo  corpo non è pronto a dare il massimo nella performance.

Bisogna lavorare sul tuo livello di attivazione e capire qual è il tuo livello ottimale e poi imparare tecniche specifiche  che ti insegnino a modularlo. 

 

Ha risposto la Dott.ssa Monica Palla

vuoi contattarla? >


Prima della competizione mi sento “spento”, poco motivato e senza energie, mi distraggo facilmente e prima di entrare in partita, devo subire una aggressione fisica o verbale, allora reagisco con forze faccio vedere quello che valgo, E’ normale ?

 

Cosa è la normalità ? Ogni soggetto è unico ed irripetibile; ognuno ha i suoi modi di esprimere energia e volontà. Con un lavoro di consapevolezza dei propri limiti e “allenandosi” ad attivarsi con un dialogo interno adeguato, sostenuto da una corretta respirazione, con esercizi mentali mirati nella fase di riscaldamento, si può ottenere quella attivazione della propria energia psicofisica utile ad “entrare in partita già dai primi minuti”.

 

Ha risposto il Dott. Massimo Masserini

 vuoi contattarlo? >


È utile utilizzare la musica nella preparazione delle gare?

Mi capita di vedere atleti che ascoltano la musica con le cuffiette prima della gara.

 

L’utilizzo della musica è molto utilieper regolare l’attivazione dell’atleta.

Recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato l’utilità dell’ascolto della musica su due livelli principali:

possiamo usare una musica calma e lenta come supporto alle tecniche utilizzate nella fase di rilassamento, per aiutarci ad entrare in uno stato di profondo allentamento, stando attenti a gestire poi bene i tempi di riattivazione (in genere questo si fa mezz’ora prima della gara);

possiamo, inoltre, utilizzare una musica più veloce e ritmata per aumentare l’attivazione nel momento subito prima la gara o degli allenamenti.

 

Ha risposto la Dott.ssa Roberta Lubrano

 vuoi contattarla? >