Psicologi dello Sport - PDS - CENTRO ITALIA


Dott.ssa MANUELA ANSALDO


Specializzazione: Psiconeuroimmunologia, Neuroscienze, Psicoterapia cognitivo comportamentale, Psicologia dello Sport

Iscrizione Albo Psicologi: n°16269 - Regione Lazio

Telefono: 3383213905 Cell: 3383213905  

E-mailmanuela.ansaldo@gmail.com


La passione e dedizione per lo sport ha percorso una strada parallela alla personale propensione allo studio e all’approfondimento dei temi della Psicologia, Neuropsicologia e delle Neuroscienze.

L’indirizzo neuroscientifico, intrapreso a partire dagli ultimi anni di Università, sino alla più matura realizzazione nel Dottorato di Ricerca, deriva dalla radicata curiosità di conoscere come lavora il nostro cervello ed, in particolare, che cosa rende possibile la trasformazione dei processi puramente neurofisiologici e neurobiologici, in processi mentali, siano essi cognitivi che emotivi.

La formazione in campo Psiconeuroimmunologico, ha affermato la personale convinzione dell’unità di espressione e simbiosi tra corpo e mente.

L’approccio cognitivista post-razionalista nella formazione psicoterapica, ha garantito una sempre maggiore attenzione al corpo anche nel setting terapeutico.

Lo sport, dapprima svolto come personale “terapia”, scarico ed ottenimento di un benessere personale insostituibile, è divenuta poi lavoro, nel ruolo di allenatrice di indoor cycling, svolto nei centri sportivi,  grazie all’ASD MAC Italia.

Il metodo MAC Cycling (dove MAC è acronimo di Mente, Anima e Corpo), ha tradotto in linguaggio pratico ciò che da anni ho potuto esperire ed anche studiare in termini scientifici.

Nello specifico, ritengo che lo sport riesca, grazie alla sua espressione corporea, a fornire non solo quelle “molecole del buon umore” che facilitano una sensazione di benessere, ma anche a fornire un feedback comportamentale che rinforzi autostima, autoefficacia e fornisca nuovi strumenti di “educazione cognitiva”.

Da questi principi nasce il mio progetto "Teraplando: facciamo terapia pedalando", rivolto alle persone con diagnosi di psicopatologia, che sfrutta i naturali benefici che l’attività fisica di tipo aerobico ha sul tono dell’umore, per fornire un approccio di cura oserei dire biopsicosociale.

La visione olistica dell’individuo, coniugata alla convinzione che un approccio interdisciplinare sia indispensabile per una visione globale della persona e per una sua presa in carico, diviene la cornice indispensabile di lavoro terapeutico.

Nell’ambito specifico della psicologia dello Sport, lavorare con atleti che usano primariamente il corpo come veicolo di espressione e prestazione, richiama un intervento tecnico che necessita di un lavoro sulla sfera emotiva e cognitiva e sulla maggiore conoscenza della propria corporeità.


L'iscritto ha dichiarato sotto la propria responsabilità i seguenti dati aggiuntivi e ne ha autorizzato la pubblicazione ai sensi del D.Lgs. 196/03