PSICOLOGIA DELLO SPORT

DOMANDE FREQUENTI - PDS RISPONDE

Negli atleti infortunati, o in fase di recupero, sono numerosi gli aspetti mentali che vanno considerati. Primo fra tutti, l’atteggiamento che li conduca ad accettare quello che è successo e a guardare al futuro con fiducia e apertura mentale.

Lo Psicologo dello Sport diventa un “tutor”, che si affianca all’atleta nei passaggi non facili di questi momenti di vita: la negazione e il rifiuto di quanto è accaduto, la rabbia verso il destino o altri fattori, la tristezza che incombe ed infine l’accettazione e l’inizio del processo di una vera e propria riabilitazione, non solo fisica, ma anche mentale, per ritornare in campo “diversi” da prima e nello stesso tempo più forti di prima.


Mio figlio ha avuto un infortunio qualche mese fa ed ora a problemi nel rientrare in campo, lei ci può aiutare?

 

Per lavorare sull'infortunio le propongo un intervento che comprende delle tecniche di rilassamento, di visualizzazione, di consapevolezza corporea per rinforzare l'arto infortunato e per lavorare sulla paura di rifarsi male

 

Ha risposto la Dott.ssa Marina Gerirn Birsa

vuoi contattarla? >


Domanda di una giovane sciatrice dopo un infortunio piuttosto grave e in ripresa di attività : non riesco più a performare come prima...”è come se non trovassi più la password “

 

Il lavoro psicologico  è fondamentale  per il recupero da infortunio: ci sono tecniche specifiche che permettono di diminuire la tensione e la paura che spesso accompagna un atleta infortunato al rientro in attività.

Parliamo delle tecniche di visualizzazione che lavorano sugli aspetti mentali e tecniche di respirazione e rilassamento che lavorano sul corpo e sulla diminuzione di tensione.

 

Ha risposto la Dott.ssa Tamara Mesemi

vuoi contattarla? >


Ho subito un infortunio importante ad un ginocchio, con una paura profonda anche di morire durante l’uscita di pista, non dormo e continuo a pensare all’incidente; ora dopo un percorso di riabilitazione, il mio fisioterapista dice che sono a posto, ma io non sento il ginocchio come prima e ho paura ad affrontare le competizioni

 

Potrebbe avere sviluppato un disturbo posta traumatico da stress, e somatizzare la paura nella parte lesa e recuperata.

Le propongo un percorso con uno psicologo dello sport che abbia competenze cliniche per poter superare e rielaborare l’incidente che lei ha subito, per poi gradualmente riprendere le competizioni.

 

Ha risposto il Dott. Massimo Masserini

 vuoi contattarlo? >