PDS - PSICOLOGI DELLO SPORT - CON TE, FINO IN FONDO.


PDS-PSICOLOGI DELLO SPORT è il portale di riferimento per ogni sportivo interessato al mondo della psicologia dello sport, nonché di tutti quei colleghi che già vi operano o che vogliono formarsi in tale ambito. Il nostro scopo è di diventare il portale di riferimento per gli operatori, ma anche per utenti coinvolti a vario titolo nel mondo dello sport (allenatori, atleti, dirigenti e genitori).

Un riferimento per ogni sportivo interessato alla Psicologia dello Sport.

 

Siamo professionisti del settore, tutti laureati in Psicologia, appassionati del lavoro che svolgiamo e dello Sport in generale.

In questo gruppo, l’utente finale troverà solo persone preparate, capaci di comprendere la mente dell’atleta e di capire e leggere le sue esigenze.

Ciò che ci guida e ci motiva non è il protagonismo, bensì il raggiungimento del benessere psico-fisico dell’atleta; non è il conseguimento della vittoria a tutti i costi, ma la consapevolezza che un atleta sano, dalla mente allenata e preparata, performa meglio di un atleta che sviluppa esclusivamente gli aspetti tecnici e fisici della sua disciplina.



CAMPAGNA ANTIDOPING - PDS PSICOLOGI DELLO SPORT

#NOalDopingSIalMentalTraining




ISCRIVITI A PDS - PSICOLOGI DELLO SPORT


VIDEO NEWS


EVENTI

1 e 2 Ottobre 2016 - Università Cà Foscari di Venezia

Presentazione Campagna d’immagine PDS – Psicologi Dello Sport




PDS - PSICOLOGI DELLO SPORT - ARGOMENTI


PSICOLOGI DELLO SPORT - PDS - VIDEO CAMPAGNA 2016


NOTIZIA IN PRIMO PIANO

Requisiti “Scuola di Calcio Élite”

Con il fine di qualificare e valorizzare ulteriormente la ‘Scuola di Calcio’, il Settore Tecnico ed il Settore Giovanile e Scolastico considereranno ulteriori indicatori di qualità.

A tal proposito, le ‘Scuole di Calcio’ potranno essere riconosciute ufficialmente come “Scuola Calcio Élite”, qualora rispondano ai seguenti ulteriori requisiti :

Sviluppo di un progetto formativo continuativo nel corso della stagione sportiva, realizzato attraverso la collaborazione con uno “Psicologo dello Sport” di provata esperienza con specifica qualifica ed iscritto al relativo all’albo professionale, quale esperto dello sviluppo delle relazioni umane.

 


Download
Lo Psicologo dello Sport nei requisiti per una "Scuola Calcio d'Elite"
protocollo_FIGC_scuole_Calcio.pdf
Documento Adobe Acrobat 390.7 KB

ARTICOLI E NEWS

UNA TRIADE VINCENTE: PSICOLOGIA + ALIMENTAZIONE + SPORT

A cura della Dott.ssa Patrizia Multari – Psicologa delle Organizzazioni, dello Sport e del Benessere

Cell: +39 3331959689

Email: patrizia.multari@gmail.it

 

 

Il contenuto del presente articolo riguarda un di sostegno psicologico e di consulenza di

alimentazione naturale rivolto ad alcuni bodybuilders over-40 e/o a migliorare l’efficienza e l’efficacia dei loro allenamenti di preparazione al campionato nel Nord Italia della specialità.

Alcuni cultori del fitness hanno risposto tempo fa alle mie offerte di consulenza, fatte in una palestra del territorio piemontese, atte a migliorare le loro prestazioni, perché si sentivano deficitari a seguito di risultati ritenuti non adeguati alle loro aspettative, con conseguente diminuzione dell'autostima e peggioramento dell'umore.

Tendenzialmente, la forma fisica dovrebbe essere garanzia di ottimi risultati, laddove l'atleta la curi in modo armonico. Tuttavia l'allenamento in palestra da solo non basta a determinare un fisico prestante: occorre integrarlo con un'alimentazione, equilibrata e bilanciata, in modo tale da fornire a tutto il corpo tutti gli alimenti necessari ad affrontare uno sforzo intenso e repentino. Uno sport anaerobico, come quello praticato nel bodybuilding, richiede un'alimentazione di supporto, carica di carboidrati, per rifornire al corpo l’energia necessaria.

In sostanza una alimentazione efficace è costituita da una grande varietà di cibi, correttamente bilanciati e adeguati in rapporto al loro apporto calorico.

 

A questi atleti ho suggerito un programma alimentare personalizzato, stabilendo orari dei pasti più idonei e nel contempo preservando i gusti e le preferenze personali, per sostenere meglio i vincoli alimentari che l’attività di potenza richiede. Le tecniche di rilassamento, la mindfulness, la musicoterapia e la cromoterapia hanno costituito un terreno fertile per accentuare le loro performance e riacquistare stima in se stessi.

 

Sono intervenuta con un programma di mental training per curare i dettagli del loro allenamento ideomotorio. L’“l'osservazione sul campo” ha permesso agli atleti di analizzare gli aspetti deficitari del loro allenamento, dandogli modo di accrescere fiducia ed autostima e di rinsaldare il pensiero positivo.

 

Gli esiti conseguiti nel campionato Nord Italia sono stati pari agli obiettivi auspicati tanto da continuare ad affidarsi allo psicologo dello sport per migliorare il loro benessere psicofisico.

 

Considerazioni conclusive

Il lavoro svolto con i bodybuilders piemontesi ha permesso di  confermare l'importanza della dimensione psicologica connessa alla forma fisica e all'alimentazione naturale e di poter auspicare ottime performance, grazie all’intervento concertato su tutti i fattori chiave dell’atleta.

 

leggi di più

DANZARE PER LA MENTE

A cura della Dott.ssa Monica Monaco – Psicologa dello Sport e dello Spettacolo

Cell: +39 3384571702

Email: fitnessformind@gmail.com

 

 

La danza è un importante strumento di espressione globale della persona, per la sua capacità di sostenere il benessere attraverso la manifestazione delle emozioni L’uso delle potenzialità terapeutiche della danza in una forma più sistematica viene ormai chiamata “danzaterapia”,  che unisce mente e corpo e che si pone l’obiettivo di favorire e sostenere il benessere, la salute mentale e lo sviluppo psicologico.

 

Attraverso gli interventi di danzaterapia è infatti possibile lavorare stabilendo obiettivi generici, volti al miglioramento del benessere psicologico o delle abilità mentali o seguendo programmi specifici. 

Le aree psicologiche su cui è possibile intervenire sono:

  • l’area cognitiva, in cui è possibile migliorare alcune competenze, come lo schema corporeo, l’apprendimento di concetti o l’uso di simboli;
  • l’area emotiva, in cui è possibile incrementare la capacità di manifestare positivamente dei vissuti emotivi, sostenendo il superamento di paure e fobie e migliorando la stima di sé;
  • l’area relazionale, in cui spesso si lavora per migliorare le relazioni personali, i rapporti di coppia o per diminuire forme comportamentali disadattive;
  • l’area psicomotoria, in cui è possibile migliorare l’orientamento spaziale e la coordinazione motoria in relazione a prassi specifiche oppure generalizzate.

Spesso la danzaterapia viene adottata a supporto di altri metodi oppure come forma esclusiva di cura.

Gli incontri di danzaterapia non hanno mai controindicazioni e possono essere rivolti a singoli individui, a coppie oppure a gruppi: la scelta del contesto in genere viene effettuata in relazione ai metodi e alle necessità relativi alla problematica specifica che si sta trattando.

 

Anche per questo, dovrai rivolgerti ad uno Psicologo dello Sport che abbia una specifica preparazione in merito. Vuoi contattarne uno?

 

 

BIBLIOGRAFIA - DANZARE PER LA MENTE

 

Benezon R., 1984, Manuale di musicoterapia, Borla, Milano.

Chodorow J., 1998, Danzaterapia e psicologia del profondo.L’uso psicoterapeutico del movimento espressivo profondo e rituale, Edizioni Red.

Delle Chiaie R. Brunetti G., Marconi P.L., 1991, Aspetti psicologici della danza: uno studio psicometrico. In Perugia L., Leoni P., Manganaro M., Dottore...io danzo. Problemi di medicina per la danza, Editrice Sigma-tau, Roma.

Garcia M.E., 1987, Educazione al movimento e alla danza nella scuola elementare. In Quaderni di musica applicata, 9, 205-212.

Lestè A., Rust J., 1984, Effects of dance on anxiety. In Perceptual and Motor Skills, 58, 767-772.

Matto S., 2005, Dispense master biennale in psicodanzaterapia, manoscritto cartaceo, Palermo.

Payne H., 1992, Dance movement therapy: theory and practice, Tavistock/Routledge, London.

Vera D’Aragona P., 1986, Curarsi danzando. Il movimento come psicoterapia. In Riza Scienze, 13, 1-96.

Vignoli S., 1973, La danza come educazione, Savelli, Roma.

Zocca D., 2004, Laboratorio danza. Attività di movimento creativo con i bambini, Erickson,Trento.

 

Fonte: www.benessere.com

 

leggi di più